31 lug 2015

Avvistamenti: gatti mutaforma, Germania dei Werdenstein, mangiateste, Atlantide e Giappone imperialista

Libri dalla trama curiosa, scoperti per caso, poco pubblicizzati o piuttosto datati e per questo e passati inosservati.

Ofelia di Florence Stevenson
Traduttore: Oddera D.
Editore: Elliot (collana Raggi)
Pagine: 186
Data di pubblicazione: 2015
Prezzo brossura: 14,88 (disponibile anche in ebook).
La ricchissima Margaret Mary Patricia Brewster è la penultima discendente di una famiglia di medici, giuristi e scienziati, una donna austera che, poco prima di morire, decide di lasciare i propri averi in eredità alla sua gatta Ofelia, unica vera compagnia. 
Il suo avvocato, Daniel Dillon, avido e senza scrupoli, ha messo gli occhi su qualcosa nella villa, ricca di quadri e suppellettili pregiati, e per poterselo accaparrare deve prima di tutto eliminare la bisbetica gattina. Così Ofelia viene gettata nel magico pozzo dei desideri, da cui però riemerge sotto le sembianze di un'avvenente donna. 
A recuperarla dalle acque melmose è Julian, giovane scienziato nipote di Miss Margaret, che si prende cura di lei con un interesse inizialmente solo clinico. 
Nel frattempo Ofelia deve destreggiarsi tra agguati, spasimanti e istinti, che la porterebbero a cacciare topi e scoiattoli, senza far scoprire la sua vera identità. 
Un romanzo surreale e ironico che si fa quasi satirico e sfiora il territorio della fiaba, fino all'epilogo rivelatore...

Il Regno Segreto (1907) Werdenstein vol. 1 di Carmen Margherita di Giglio
Traduttore: Oddera D.
Editore: Nemo
Pagine: 95
Data di pubblicazione: 2015
Prezzo : gratis 
Primo episodio: Il regno segreto. WERDENSTEIN Una figura femminile eccezionale, fuori dalle regole del proprio tempo Un genio nella creatività e nella dissolutezza GERMANIA 1907-1938. Da moglie e madre sottomessa e infelice, Helèna von Waldenburg si trasforma in donna forte e trasgressiva. È lei “il genio”, la creatrice di Werdenstein, fra le cui mani tutto sembra fiorire. Donna d’affari audace e ambiziosa, eterna rivale del marito, il gelido opportunista Heinrich von Rosenberg, ufficiale dell’esercito tedesco, Helèna è anche madre di Philipp (il tragico duca de “Lo scrigno di Ossian”), su cui riversa tutto il suo amore: amore assoluto, amore disarmante, amore profondo e totalizzante... ma non amore materno. Dietro le mura dorate del castello di Werdenstein si nasconde, infatti, un inconfessabile segreto: l’ultimo tabù dell’umanità, da sempre tenuto sepolto agli occhi delle folle, innominabile e intoccabile anche ai nostri giorni... Attraverso una scrittura raffinata e intensa che non risparmia nulla al lettore, passando dai toni della saga familiare a quelli del giallo e del romanzo storico-politico, l’autrice delinea il ritratto di una società decadente – quella che dalla Germania di Guglielmo II condurrà alla follia del Terzo Reich − e apre uno squarcio sul tema delle contraddizioni esistenziali, delle degenerazioni erotiche che sottostanno all’ideologia nazista e su alcune delle tematiche più scottanti dell’umanità: l’incesto madre-figlio, l’innocenza e la colpa, l’eterno femminino e l’esistenza di Dio. * Werdenstein ebook è suddiviso in 6 episodi: 1- Il regno segreto 2- Il mistero dell’abate Alexander 3- La duchessa 4- Il crepuscolo della dea 5- Notte dei Lunghi Coltelli 6- Lo scrigno.

Il Mangiateste di Samuel Giorgi
Editore: Piemme
Pagine: 392
Data di pubblicazione: 2015
Prezzo : 17,50
Un tranquillo paesino di montagna. Tredici suicidi in meno di un anno. 
Un’antica superstizione che semina terrore.  
In un paese della Val d’Ossola, una lunga sequenza di suicidi ha gettato nel panico la comunità e ha lasciato la polizia senza risposte. 
Al caso si interessa Luna, giovane detective dotata di un intuito particolare; mentre cerca di fare luce sulla vicenda, si imbatte in antiche superstizioni che alcuni collegano al responsabile di quell’orrore. 
E qualcuno gli ha già dato un nome: il Mangiateste. 
Nel frattempo, a Villa Luce, la clinica che in paese ospita soggetti con problemi psichici, sembra emergere un’altra interpretazione dei fatti: questa coinvolge alcuni pazienti gravi rinchiusi in un’ala dell’istituto di cui sono a conoscenza solo in pochi. 
Con l’aiuto degli altri membri della squadra, rischiando di essere travolta da quest’ondata di follia suicida, Luna porterà a galla una drammatica vicenda del passato, per la quale qualcuno sta consumando poco alla volta la sua vendetta.

Lettere da Atlantide di Robert Silverberg
Editore: Mondadori
Pagine: 120
Data di pubblicazione: 1993
Prezzo : 20,00
Infinite sono le storie su Atlantide, leggendario continente perduto i cui segreti non sono mai stati svelati, e anche Robert Silverberg, uno dei più grandi scrittori di fantascienza contemporanei, ha voluto dedicare un romanzo a questo affascinante mistero, presentandocelo sotto una luce nuova. Attraverso l'incredibile avventura di Roy e Lora, che compiono uno straordinario viaggio nel tempo e nello spazio, conosceremo dall'interno una società avanzatissima eppure destinata alla distruzione, il cui dominio si estende su terre popolate da uomini primitivi e selvaggi, ma soprattutto faremo conoscenza con Ram, l'erede al trono di Atlantide, e assisteremo al nascere di una singolare amicizia tra lui e Roy, ragazzo del futuro che si è "impossessato" della sua mente e del suo corpo...





La Sposa di Kyoto di Francesca Angelinelli
Editore: GDS
Pagine: non indicato
Data di pubblicazione: 2013
Prezzo : 0,99 cent.
Quando il viaggiatore e scrittore veneziano Marco Polo visitò la terra del Sol Levante, durante il suo viaggio in estremo Oriente tra il 1271 e il 1288, raccontò le meraviglie del luogo ne Il Milione, chiamando il Giappone lisola Cipango (o Zipangu). La descrisse come una terra grande e rigogliosa, ricca di pietre preziose e oro, tanto da rivestirne i tetti del palazzo reale e le sue stanze. Dopo di lui molti navigatori giunsero lì, attirati dalle ricchezze e dalle narrazioni fantastiche che riecheggiavano fino in occidente. Ancora oggi il fascino del Giappone alimenta la fantasia di scrittori e scrittrici come Francesca Angelinelli che da tempo si dedica alla letteratura fantasy orientale. Ne La sposa di Kyoto lautrice delinea quel sapore antico della cultura nipponica imperialista: il clima mite, il suono dei campanelli votivi del tempio scintoista,latmosfera raffinata e silente, la sobrietà di un giardino zen, la dama aristocratica, la serva fedele. Tutto richiama a quella cultura millenaria e lontana che rende il racconto una perla di rara bellezza. Il finale inaspettato ha un gusto malinconico e uno spirito tetro, ma il romanticismo mesto, di cui il racconto è pregno, ne fa una novella elegante e delicata pur mantenendo il vigore dellinquietudine.Filomena Cecere

Nessun commento:

Posta un commento

Dai, sgranchitevi le dita e scrivete qualcosa di insensato... basta che sia un commento.